Sei in:AM Home»Blog»Terzo settore»Terzo settore, 42 mila le organizzazioni di volontariato in Italia

Martedì, 14 Dicembre 2010

Terzo settore, 42 mila le organizzazioni di volontariato in Italia

Scritto da 

Sono circa 42 mila le organizzazioni di volontariato operanti in Italia, di cui 27 mila iscritte ai registri regionali in base alla legge che regola il settore (la n. 266 del 1991). E’ il dato, ancora grezzo, che emerge dalla sistematizzazione delle banche dati dei 72 (su 78 esistenti) Centri di servizio per il volontariato aderenti a Csvnet distribuiti su tutto il territorio nazionale.

 

Si tratta di un numero in netta crescita rispetto all’ultima rilevazione svolta nel 2006 dalla Fondazione italiana volontariato (Fivol, oggi sciolta), che parlava di poco più di 35 mila organizzazioni. Va detto che questa rilevazione adottava un filtro piuttosto restrittivo e in grado di eliminare molti doppioni, ma tracciava anche una tendenza: la stessa Fivol aveva parlato infatti di 21 mila associazioni nel 2005 e 28 mila nel 2005.

Il dato dei Csv, per il momento, risulta dalla semplice somma numerica delle associazioni distribuite nel territorio, dove per vari motivi si possono verificare conteggi sovrapposti o cessazioni non ancora rilevate. Tuttavia, il censimento che Csvnet sta mettendo a punto è la testimonianza più aggiornata e verosimile di un fenomeno, almeno nelle dimensioni, ancora molto vivo e persino in espansione.

Ed è proprio al volontariato che l’Istat ha dedicato quest’anno l’apertura del suo evento più solenne, la Conferenza nazionale di statistica la cui decima edizione si è svolta a Roma il 15 e 16 dicembre.

“La statistica ufficiale incontra il volontariato” è stato il titolo della prima sessione, con un confronto a due tra il ricercatore dell’istituto Nereo Zamaro e il presidente di Csvnet Marco Granelli. Per l’occasione l’Istat ha presentato i dati di una ricerca sulla rappresentazione del volontariato sui giornali, basata su centinaia di articoli che Csvnet ha messo a disposizione traendoli dalla sua rassegna stampa quotidiana nazionale e locale, servizio svolto da un paio d’anni per i Csv.


Fonte: www.redattoresociale.it